Newsletter

Testimonianza di Don Giulio Giacometti

Da Don Giulio Giacometti passato a nuova vita il 16/01/2011

Amate la Madonna e chi la fa amare!

...Salutami tanto anche Debora che non ho conosciuto di persona, ma che ho apprezzato e creduto nella sua Missione e nelle Apparizioni che lì avvengono. Sicuramente non adesso, ma un giorno “sarà Riconosciuta” e tutto rifiorirà. Capite: allargherete proprio l'Insegnamento, e porterete i Sacramentali che qui la Mamma Celeste porta in continuazione.

Grazie Debora, non sentirti mai sola io sarò un tuo intercessore! Un grosso abbraccio e la mia sacerdotale benedizione il TUO DON GIULIO.

Mma prima di morire leggiamo cosa scrive a Mons. Renè Laurentin..

 

ILLUSTRISSIMO E REVERENDISSIMO

PADRE RENE' LAURENTIN

 

Con grande devozione e riconoscenza in memoria e in ricordo del colloquio nella Basilica dei Santi Apostoli e Nazaro Maggiore in Milano, il 9 – 10 Febbraio 2008, presente Don Piero di cui allego il “Testamento Spirituale” essendo morto il 14 Luglio 2008.

TESTIMONIANZA SU DEBORA MARASCO

1) Da molti testimoni che la conoscono personalmente, l'hanno visitata e sono restati con lei e l'hanno anche ospitata nelle loro case, risulta una donna profondamente cristiana con tutte quelle virtù che rendono accetto il Messaggio che ella afferma di ricevere e i “Segni” che lo accompagnano.

2) L'esame dei Messaggi ricevuti non contengono errori né contro la Fede, né contro la Morale (nessuno scritto è esente da imperfezioni tutte umane). Non è difficile scoprire dei legami con precedenti Apparizioni come Garabandal, Fatima, Mediugorje e in particolare come di Natuzza Evolo.

3) Questo Messaggio può essere considerato come una esistenza per il “Bene della Chiesa e del mondo.” Agli Esperti di Teologia Spirituale e di Mariologia e di Ecclesiologia, la sentenza.

4) Molti Sacerdoti – come mi hanno riferito – attendono in preghiera un “Giudizio Giusto e Benevolo da parte dell'Autorità Ecclesiastica,” confidando nell'Intercessione di “Maria Vergine dell'Eucaristia” nella speranza che non si debba attendere troppo a lungo per capirne realmente il frutto buono.


Con doverosi ossequi Sac. Don Giulio Giacometti Milano


"LA PIETRA SCARTATA DAI COSTRUTTORI E'DIVENTATA PIETRA ANGOLATE" sal 118,22-23